mercoledì 2 settembre 2015

La libertà che conta - di Fabio Trevisan (da Riscossa Cristiana)

chesterton

1° settembre 2015

.

La libertà che conta 

di Fabio Trevisan

.

"Il mondo medievale fu molto lento nel far diventare i servi, o gli schiavi, dei contadini. Il mondo moderno è stato straordinariamente veloce nel far tornare i contadini a essere di nuovo schiavi".

.

zzzzrdchstrtn

















Il 19 giugno 1935, Gilbert Keith Chesterton (1874-1936) presentava un programma radiofonico alla BBC sul tema della libertà (il tutto è rinvenibile nel recente volume: "Radio Chesterton" curato da Annalisa Teggi con introduzione del presidente della Società Chestertoniana Italiana, Marco Sermarini). Sul settimanale della BBC, The Listener, furono trascritte le trasmissioni radiofoniche e si ospitarono le lettere, soprattutto di protesta, che le acute osservazioni di Chesterton suscitarono nel pubblico.

Da quel grande e coraggioso cattolico qual era, Chesterton parlò dalla radio mostrando senza mezzi termini l'essenza del cattolicesimo, con una confessione esplicita che personalmente mi ha commosso: "Mi propongo di mostrare che il cattolicesimo ha creato la libertà inglese; e che quella libertà si è conservata esattamente fino a quando tale fede si è mantenuta; e che laddove la nostra fede è interamente scomparsa, anche tutta la nostra libertà sta scomparendo". Chesterton richiamava le origini cattoliche dei Comuni, del Parlamento, del common law e di tante altre istituzioni che avevano permeato la storia inglese: "I cattolici posero le fondamenta del concetto essenziale del liber et legalis homo, l'uomo come soggetto libero e giuridico". Ammoniva poi il pubblico che lo ascoltava con queste parole: "Tenete a mente questa frase, perché l'intero mondo moderno sta precipitando nell'anarchia e nella tirannia per aver dimenticato ciò".

Cosa aveva dimenticato l'epoca moderna? Che cosa aveva stabilito la cristianità? A queste domande Chesterton collegava il tema della vera libertà conservata dalla fede e, pur nella consapevolezza di essere quanto meno frainteso se non vituperato, egli chiariva: "Sapendo di rendermi ancora più sgradevole, dico che la libertà è stata quasi completamente cancellata nei Paesi non cattolici come l'America, la Prussia e l'Inghilterra". Che tremendo paradosso per gli alfieri della presunta libertà! Vale la pena davvero di leggere queste incredibili osservazioni sorte dal confronto tra le libertà paventate dal mondo protestante e quelle effettivamente garantite dalla Chiesa cattolica: "Il mondo protestante si è concentrato esclusivamente sulla libertà di opinione; si è dimenticato di tutto il resto: la libertà di vivere, di crescere, la libera scelta nelle faccende quotidiane, della proprietà da parte di un uomo libero della propria casa, dei propri strumenti, del proprio corpo e della propria anima. All'indomani della Riforma, il concetto di libertà ha significato semplicemente questo: chiunque può scrivere un pamphlet, chiunque può guidare un partito, chiunque può fondare una setta". 

Il mondo moderno, protestantizzandosi, diventava pazzo e andava contro l'uomo comune e le sue elementari, cattoliche e basilari libertà. Ecco perché il mondo moderno era stato molto veloce nel far diventare schiavi i contadini. Favorendo, come indicava il grande scrittore londinese, le teorie a discapito delle tradizioni comuni, si era consegnato un mondo libero nelle mani di forze incontrollate anonime e anarchiche e così egli poteva ammonire in modo veemente: "Quel che voi avete fatto, con la vostra progressiva libertà protestante, è stato di sacrificare tutti i diritti e i bisogni comuni in nome del bisogno particolare di poche persone di esprimere ad alta voce le loro opinioni". Potete immaginarvi le reazioni delle cosiddette persone "libere" alle osservazioni chestertoniane ? Se non riuscite del tutto ad immaginarle, vi consiglio di leggerle. Potrete gustare così la tremenda attualità di quelle stupefacenti riflessioni e la difesa assidua della ragione cattolica di un autentico paladino della fede, che così puntualizzava: "Il maniaco (protestante) è stato libero di predicare le sue manie, ma l'uomo libero non è più stato libero di proteggere la propria libertà".

_______________

Radio Chesterton può essere acquistato su www.pumpstreet.it

Sconti per i soci SCI


sabato 29 agosto 2015

Radio Chesterton su Radio Mater

Domenica 30 Agosto 2015 alle ore 21 su Radio Mater per la rubrica "La Letteratura e la Fede" Paolo Gulisano presenterà il volume di G.K. Chesterton "Radio Chesterton" edizioni Rubettino. Interverrà anche Marco Sermarini, il nostro presidente.

giovedì 27 agosto 2015

La presentazione di Radio Chesterton al Meeting è andata bene

Cari Amici,

grazie per la vostra presenza al Meeting di Rimini nel nostro stand nel padiglione A3. Molti sono passati alla spicciolata, molti sono venuti per la presentazione di Radio Chesterton che è andato immediatamente a ruba.

Annalisa Teggi ed io, Marco Sermarini, ci siamo divertiti molto ed è stato bello sottolineare alcune delle cose belle che troverete nel volume che, ricordo, è sempre in vendita da Pump Street.

I temi trattati nel libro sono di grande attualità e il giudizio di Chesterton è bello e giusto, per cui leggendo avrete la gioia di imparare qualcosa è quella di leggere qualcosa di bello e piacevole.

A presto, amici!

Marco Sermarini

giovedì 20 agosto 2015

Lunedì 24 Agosto 2015 due incontri da non perdere al Meeting di Rimini

Lunedì 24 Agosto 2015 Giornata Chestertoniana al Meeting di Rimini.

Nel Padiglione A3 presso lo stand dell'Opera G. K. Chesterton (ben visibile: è lo stand di Pump Street con le sue magliette strepitose, i suoi libri e la possibilità di aiutare il nostro eroe africano John Kanu; lo stand della Scuola Libera G. K. Chesterton, e di tanto altro ancora) alle ore 11.15 si terrà un incontro dal tema: "Si può fare! Chiarimenti e testimonianze sull'educazione parentale". Ci sarà il nostro presidente Marco Sermarini, che è anche tra i fondatori della Scuola Libera G. K. Chesterton.

Sempre lunedì, stesso posto ma alle ore 14.30 presenteremo lo splendido Radio Chesterton - Dai microfoni della BBC, edito da Rubbettino. Saranno presenti Annalisa Teggi, curatrice e traduttrice del volume e Marco Sermarini, presidente della SCI e estensore dell'introduzione.

Troviamoci tutti lì, ci guarderemo in faccia, ci saluteremo e saremo buoni amici.

martedì 18 agosto 2015

Presenteremo Radio Chesterton al Meeting di Rimini

Saremo presenti al Meeting di Rimini anche quest'anno con Pump Street e la Scuola Libera G. K. Chesterton.

Il luogo è il Padiglione A3 e saremo abbastanza visibili (ci dovrebbe essere anche una sagoma del Nostro Eroe).

Per non farci mancare nulla presenteremo il bellissimo Radio Chesterton, edito da Rubbettino, il giorno 24 Agosto 2015 alle ore 14.30 presso lo Stand (ripetiamo: Padiglione A3, all'interno dello Stand dell'Opera G. K. Chesterton - ci dovrebbe essere un bel Chesterton ben visibile...).

Saranno presenti Annalisa Teggi, curatrice e traduttrice del volume e il nostro presidente Marco Sermarini (che ha firmato l'introduzione).

Il libro sarà in vendita allo stand.

Vi aspettiamo.