sabato 2 maggio 2015

L'eclissi della libertà - di Fabio Trevisan (da Riscossa Cristiana)


zzcstr3vsn















"Tutta questa confusione moderna è pervasa dal curioso principio di sacrificare gli usi antichi delle cose perché non si conciliano con gli abusi moderni".

Gilbert Keith Chesterton, antecedentemente la prima guerra mondiale, e quindi circa un secolo fa, indicava chiaramente i mali (e non semplici passeggeri malanni) che affliggevano la nostra società. Sottolineava i mali, alla pari dell'eugenetica, come testimoniato nel saggio: "Eugenetica e altri malannipubblicato  nel 1922, ma concepito ben prima, come abbiamo detto. In uno dei capitoli finali del saggio: "L'eclissi della libertà" , il grande scrittore inglese poneva in modo mirabile il problema in questi termini: "La libertà ha prodotto scetticismo, e lo scetticismo ha distrutto la libertà. Gli amanti della libertà credevano di renderla illimitata, mentre la lasciavano soltanto indefinita. Credevano di lasciarla soltanto indefinita, mentre in realtà la lasciavano indifesa. Per il solo fatto di trovarsi liberi, gli uomini si trovarono liberi di mettere in discussione il valore della libertà". 

Il problema della libertà veniva posto da Chesterton alla stregua del problema della vita o della proprietà e quindi valutato come bene essenziale, proprio della natura umana, voluto e sancito dal Padre Eterno. Bene da tutelare, da non negoziare, ma tuttavia bene da definire. Ecco perché lo scetticismo, alla pari del relativismo o del soggettivismo, distrugge la libertà. Lo scrittore londinese guardava agli effetti che ponevano queste domande semplici: "Cos'è la proprietà? Cos'è la vita? Cos'è la libertà?". Erano domande che non potevano lasciare liberi di infischiarsene, ma che impegnavano tutta la persona e tutte le persone. Se si eludevano queste domande si sarebbe arrivati, secondo la visione lungimirante di Chesterton, alla vera tirannia: "Alla tirannia è bastato fare un passo per raggiungere i luoghi sacri e segreti della libertà personale, dove nessun uomo sano di mente aveva mai sognato di trovarla; e specialmente il santuario del sesso". La devastazione della sacralità della vita poteva raggiungere ogni inimmaginabile eccesso in modo tale che le persone non avrebbero più avuto alcuna difesa contro la tirannia: "Privare un uomo della moglie o del figlio è facile come privarlo della birra, quando si può dire: Cos'è la libertà? E tagliargli la testa è facile come tagliargli i capelli quando si è liberi di dire: Cos'è la vita?". 

Egli si opponeva alla famosa espressione liberale, in realtà liberticida, che pareva tutelare una presunta tolleranza, la quale circoscriveva all'uomo la sua libertà purché non interferisse nella libertà altrui. Con il suo magistrale e paradossale umorismo, Chesterton smascherava il liberalismo che, in nome della "salute", colpiva l'uomo comune: "Se era logico ammettere una certa distinzione fra la birra e il tè, in base al fatto che bere troppa birra può spingere un uomo a tirare il boccale in testa a qualcuno, mentre di rado la zitella è spinta da un eccesso di tè a tirare la teiera in testa a chicchessia, ora la base del discorso è cambiata. Non si considera ciò che l'ubriaco fa agli altri colpendoli con il boccale, bensì quello che fa a se stesso bevendo la birra. L'argomento si fonda sulla salute". Abbiamo assistito nel tempo, come aveva intuito Chesterton, all'eclissi della libertà ed all'acutizzarsi, in tempi di "pace", dell'oppressione e dell'intolleranza. E questo proprio in nome della libertà e della democrazia. Allora, si chiedeva Chesterton, che cos'è questa osannata "salute"? Era questo l'interrogativo che, senza l'autorità dei dogmi e della ragione, poteva essere impiegato come strumento di tirannia.  Per Chesterton il giusto concetto di "salute" era inseparabile da quello di Dio: "La salute è semplicemente la natura, e nessun naturalista dovrebbe avere l'impudente pretesa di comprenderla. La salute è Dio e nessun agnostico ha il diritto di vantare la Sua conoscenza. Dio, infatti, non può che significare quel mistico e molteplice equilibrio di tutte le cose… Voi ed io, quando ci sentiamo in perfetta salute siamo del tutto incapaci di nominare gli elementi che compongono quella misteriosa semplicità".

venerdì 1 maggio 2015

martedì 28 aprile 2015

La magia del second wind - di Andreas Hofer (da La Croce Quotidiano) - Sul divorzio

http://costanzamiriano.com/2015/04/28/la-magia-del-second-wind/

5th Annual Chesterton Conference at "La Civiltà Cattolica" - sabato 9 Maggio 2015 ore 17.00, sede de La Civiltà Cattolica, via di Porta Pinciana n° 1


- UN VESCOVO VESTITO DA CLOWN -
Cosa significa "fare apologetica" nel Terzo Millennio?

* * * * *

SALUTI E INTRODUZIONE
- P. Antonio Spadaro, S.I.
- Fr. Ian Boyd, C.S.B.

RELAZIONI
- «A Clown for God: Chesterton's Theology of Laughter» (Dermot Quinn)
- «Il principio di ogni allegria. Una questione di stile» (Paolo Pegoraro)

TESTIMONIANZE
- Don Fabio Bartoli (rubrica "GKC's Weekly" - La Croce Quotidiano)
- Annalisa Teggi (rubrica "Capriole cosmiche" - Tempi)

MODERA
- Andrea Monda

* * * * *

Evento realizzato in collaborazione con Associazione Culturale BombaCarta (Roma) - G.K. Chesterton Institute for Faith and Culture (Seton Hall University, New Jersey)

domenica 26 aprile 2015

Il Vescovo di Cork e Ross (Irlanda) John Buckley parla in difesa della famiglia e indovinate chi cita...?

Ragazzi, una lobby tra le più diaboliche si sta impadronendo dell'Insula Sanctorum (e ci sta provando anche da noi), ma là c'è ancora gente desta e che sta combattendo, molti sono nostri amici.

Leggete chi cita il Vescovo di Cork e Ross, John Buckley, e chi parla della famiglia come capolavoro della natura...